Fauna

Data:
19 Luglio 2020
Immagine non trovata

La ricchezza ambientale dell’Area Marina Protetta, grazie anche alla presenza del S.I.C. (sito di interesse comunitario) "Capo Testa", si evidenzia nella presenza di ecosistemi naturali molto diversificati tra loro, in grado di rispondere alle specifiche esigenze delle varie specie animali che trovano nel territorio condizioni ecologiche idonee per la sosta, l’alimentazione o la riproduzione. Nel territorio sono presentinumerose specie di rilevanza internazionale e protette dalle Direttive comunitarie “Habitat” (92/43/CEE) e“Uccelli” (2009/147/CE).

Tra le specie di interesse vi sono molte specie di uccelli legate agli ambienti rocciosi, per le quali sono previste speciali misure di conservazione, elencati nell’allegato I della Direttiva Uccelli: la berta maggiore(Calonectris diomedea), la berta minore (Puffinusyelkouan), il falco pellegrino (Falco peregrinus), il marangonedal ciuffo (Phalacrocoraxaristotelisdesmaresti) e il gabbiano corso (Larusaudouinii), il succiacapre (Caprimulguseuropaeus), lapernice sarda (Alectoris sarda) e alcuni passeriformi come la magnanina (Sylvia undata) e la magnaninasarda (Sylvia sarda). Tra gli uccelli non elencati nell'allegato I della Direttiva Uccelli si riscontrano invece ilgabbiano comune (Laurusridibundus) e l’occhiocotto (Sylvia melanocephala) nonchè il corvo imperiale(Corvuscorax), il piccione selvatico (Columba livia) e il raro colombaccio (Columba palumbus).

Sono inoltre presenti varie specie di mammiferi: tra i rettili sono comuni la testuggine marginata (Testudo marginata), il tarantolino (Eulepteseuropaea), latestuggine palustre (Emysorbicularis), il biacco (Hierophisviridiflavus), il geco comune (Tarentolamauritanica) e la lucertola campeste (Podarcis sicula). Sono annoverati tra i rettili anche dueendemismi sardo-corsi: l'algiroide nano (Algyroidesfitzingeri) e la lucertola tiliguerta (Podarcistiliguerta).Rilevante è anche la presenza della lucertola del Bedriaga (Archaeolacertabedriagae), specieendemica sardo-corsa distribuita in altre poche aree della Sardegna come il Monte Limbara e in pochialtri rilievi interni.

Sono inoltre presenti specie di anfibi incluse nell’allegato IV della Direttiva Habitat: il rospo smeraldino (Bufoviridis), la raganella sarda (Hyla sarda), il discoglosso sardo (Discoglossussardus).

Sott’acqua, la diversità e i colori della fauna marina affascinano chiunque indossi la maschera e osservi la vita dei fondali, soprattutto i pesci, che negli anni, grazie all’“effetto riserva”, andranno ad aumentare in termini di densità e dimensioni.

Tra i pesci, oltre la fauna marina mediterranea, ai mammiferi marini e i grandi pesci cartilaginei che è possibile avvistare all’interno dell’Area Marina Protetta, meritano attenzione l’agone (Alosa fallax), tra gli invertebrati il corallo rosso (Coralliumrubrum) e il falsocorallo nero (Gerardiasavaglia) nonché la patella ferrosa (Patella ferruginea).

Ultimo aggiornamento

Lunedi 31 Agosto 2020